Vittorio Foa

"...Per una grande parte del mio impegno sindacale mi schierai con coloro che davano il massimo risalto all\'elemento dell\'autonomia. Si trattava di qualcosa che andava al di là della condizione del lavoro. Era il sentimento che per il solo fatto di essere venuti al mondo è necessario uno spazio per dirigere se stessi, per non essere sempre diretti da altri..."

29 Marzo 2018 ~ 0 risposte

La FAILP CISAL firma l’accordo che istituisce e regolamenta il CENTRO DISTRIBUZIONE POSTALE di FIUGGI FONTE

ist2_5751220-mouse-cursor-internet-concept

 

Nell’ambito delle procedure previste dall’accordo nazionale per la nuova regolamentazione di Posta, comunicazione e logistica (PCL), il 26 marzo si è svolto l’esame congiunto relativo alla REGIONE LAZIO, nell’ambito del quale la FAILP ha sottoscritto l’intesa che determina e regolamenta il Centro Distribuzione di Fiuggi Fonte.

Tutti i dettagli sono contenuti nella documentazione che alleghiamo.

Verbale di Accordo PCL Lazio del 26 marzo 2018

RAM-2-2018_04_16-FIUGGI

29 Marzo 2018 ~ 0 risposte

Il testo del nuovo CCNL 30 Novembre 2017 ora in vigore

nastro

 

 

Il CCNl sottoscritto il 30.11.2017 è in vigore in Poste italiane, composto da 86 articoli suddivisi per capitoli: Disciplina delle relazioni industriali (dall’Art. 1 all’Art.7), Diritti sindacali (dall’Art. 8 all’Art. 17), Disciplina del rapporto di lavoro (dall’Art. 18 all’Art. 57), Politiche sociali, Formazione, Valorizzazione e sviluppo dei lavoratori (dall’Art. 58 all’Art. 62), Trattamento economico (dall’Art. 63 all’Art. 79),Cessazione del rapporto di lavoro (dal’Art. 80 all’Art. 83, Disposizioni finali (dall’Art.84 all’Art. 86), oltre a 27 Allegati.

Il nuovo CCNL dei dipendenti prevede la novità rappresentata dalla costituzione del FONDO SANITARIO DEI DIPENDENTI DI POSTE ITALIANE e delle altre società del Gruppo Poste che vi aderiscono, i cui particolari sono presenti nell’Art. 79 del CCNL e negli allegati dedicati all’Assistenza Sanitaria integrativa del servizio sanitario nazionale, offerta da POSTEVITA FONDOSALUTE.

Per l’anno 2018 l’iscrizione al FONDO SANITARIO deve essere fatta entro il 30 Aprile prossimo attraverso la procedura web presente nello spazio NOIDIPOSTE, accessibile anche da postazioni esterne di internet digitando username e password (ci si autentica e si compila il form on line fino alla completa esecuzione dell’iscrizione che va poi stampata e consegnata in Azienda).

L’iscrizione effettuata a Marzo consente la decorrenza delle provvidenze del Fondo Sanitario a partire dal 1 aprile prossimo, mentre chi effettuerà l’iscrizione nel mese di aprile ne avrà decorrenza dal 1 maggio.

L’iscrizione al fondo sanitario deve essere effettuata dal dipendente e scegliendo il “PIANO BASE” è totalmente gratuita essendo finanziata dal Datore di Lavoro.

Le prestazioni sanitarie offerte dal FONDO possono essere ottenute in forma diretta nelle strutture sanitarie convenzionate (vedi elenco in calce) oppure in forma indiretta ricevendo i relativi rimborsi, ove previsti.

Il dipendente può scegliere il  “PIANO PLUS” per sé con cui riceverà ulteriori servizi rispetto al Piano Base pagando un canone mensile di euro 10,25 mediante ritenuta sullo stipendio (fra i servizi offerti c’è anche il rimborso dei Ticket Sanitari fino al tetto annuale).

I dipendenti potranno anche iscrivere il NUCLEO FAMILIARE pagando un’integrazione mensile attraverso ritenuta sullo stipendio, scegliendo il Piano Base oppure il Piano Plus.

All’atto della cessazione dal lavoro (es. pensionamento) il dipendente può esercitare l’iscrizione al FONDO SANITARIO anche per i periodi successivi seguendo le modalità previste e pagando il corrispondente canone mensile.

Tutti i dettagli relativi al CCNL ed al FONDO SANITARIO sono contenuti negli allegati in calce, UNITAMENTE ALLE STRUTTURE SANITARIE CONVENZIONATE DEL LAZIO per l’accesso diretto alle prestazioni sanitarie.

Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro 30.11.2017

Regolamento Statuto

Statuto

StruttureLazio

15 Febbraio 2018 ~ 0 risposte

Dalle OO.SS. Nazionali la firma all’IPOTESI di ACCORDO per l’organizzazione di PCL

piega-imbusta-imbustatrice-economica

 
E’ del giorno 8 febbraio 2018 la firma all’ipotesi di accordo  per l’organizzazione del servizio postale nel paese e dettagliatamente del Servizio Universale, dopo mesi di duro e difficile confronto che ha coinvolto la dirigenza territoriale delle OO.SS.

La F.A.I.L.P. CISAL sarà presente nelle varie fasi di relazioni sindacali che monitoreranno la prossima introduzione dell’ipotesi di riorganizzazione del Recapito postale; comunque l’ipotesi di accordo sarà sottoposta a votazione delle R.S.U. presenti in Poste italiane, per completare il ciclo negoziale.

Con l’intesa si prevedono uscite incentivate, conversioni dal Part Time al Full Time, assunzioni dall’esterno e di ex CTD in servizio, i cui dettagli sono illustrati nel testo dell’ipotesi che alleghiamo.

Ipotesi di Accordo Organizz.ne PCL (1)

Ipotesi di Accordo Organizz.ne PCL (2)

PCL Modello Joint Delivery 08022018

15 Febbraio 2018 ~ 0 risposte

Il nuovo Contratto Colletivo Nazionale di Lavoro in Poste italiane

sicurezza

 

 

 

Il 30 novembre 2017 la F.A.I.L.P. CISAL e le altre OO.SS. hanno condiviso con Poste italiane il nuovo CCNL che è stato illustrato e votato nell’arco delle assemblee dei lavoratori tenutesi in tutta Italia e dettagliatamente nelle Strutture territoriali aziendali del Lazio.

A fare data dall’avvenuto scioglimento della riserva apposta all’introduzione dell’ipotesi di accordo del nuovo CCNL in Poste italiane (approvata dai lavoratori) è operativo il nuovo CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO.

CCNL-Poste-Italiane-30-novembre-2017

Tabelle-aumenti-e-arretrati-_allegati-CCNL

Comunicato-unitario-rinnovo-ccnl-2016_2018

 

10 Aprile 2017 ~ 0 risposte

Poste vuole ampliare le consegne corrispondenze inesitate, il confrontonazionale in corso

L’azienda ha informato le OO.SS. del progetto Inesitate che prevede l’ampliamento del numero degli uffici postali abilitato a consegnare le corrispondenze inesitate al domicilio dei destinatari, ma con diversi step suddivisi per fasce territoriali.

Il Lazio è stato inserito dall’azienda nel terzo periodo e cioè non prima del 10 giugno.

Al momento ci stiamo confrontando con l’azienda, a livello nazionale, evidenziando tutte le difficoltà connesse alla volontà aziendale di procedere parallelamente all’iniziativa alla chiusura di 289 strutture di Poste, comunicazione e logistica che effettuano il servizio.

L’azienda ha in progetto un nuovo applicativo che negli uffici postali interessati dalla consegna delle inesitate (2.481 + 9.667) estenderà la consegna delle inesitate in qualsiasi sportello, ma ciò suscitando problemi organizzativi e di sicurezza per le responsabilità dei lavoratori e le esigenze dei clienti che verranno rallentati nello scorrimento delle attività finanziarie.

I dettagli del confronto nazionale sono evidenziati nel nostro sito web nazionale www.failp.it, in particolare la lettera che le OO.SS. hanno inviato a Poste italiane sull’argomento trattato dalla stessa con l’evidenza dell’art. 2 del CCNL.

Comunicato incontro_Inesitate 6 04 17

Diffida OO.SS. Progetto inesitate

PROGETTO INESITATE_documentazione riunione 30 marzo 2017

Progetto Inesitate_ricadute sulle risorse

 

10 Marzo 2017 ~ 0 risposte

Poste, nella stretta per rinnovare il ccnl scaduto propone novità inquadramentali

Scissors with red tape

 

E’ nella stretta per il rinnovo del ccnl scaduto dei dipendenti di Poste italiane che l’azienda ha scoperto le sue carte, attraverso un ridisegno parziale degli attuali inquadramenti e l’introduzione di novità relative al sistema dei Quadri A1 ed A2.

La posizione societaria mira ad ottenere maggiore flessibilità nell’impiego del personale, soprattutto i QUADRI mediante il ridisegno della specifica Area professionale, che nella proposta rappresentata alle OO.SS. unifica l’Area Quadri ed attiva la fungibilità dei ruoli degli attuali A1 ed A2, distinti poi sulla base della Funzione di rispettiva applicazione mediante indennità collegate alla tipologia di ufficio assegnato, comunque mantenendo immutata la retribuzione lorda annua.

L’innovazione proposta al sistema degli attuali step inquadramentali ha reso necessaria una pausa di riflessione che ha interrotto il tavolo di confronto.

In allegato il comunicato esplicativo sindacale di FAILP CISAL, SLP CISL, CONFALCOM e UGL.

Comunicato CCNL 10 3 2017

07 Marzo 2017 ~ 0 risposte

8 Marzo 2017, per non dimenticare…

Foto 8 marzo

 

 

OTTO MARZO 2017 “FESTA DELLA DONNA”

Un nuovo 8 MARZO, la data che ricorda a tutti come la parità di genere sia un obiettivo ancora da raggiungere e che il rispetto e la dignità delle donne, sono tutt’ora  purtroppo messi a repentaglio da atteggiamenti dissennati che troppe volte nel nostro paese sono sfociati in atti di violenza.

In Poste italiane prestano la loro attività circa 74.000 donne pari al 54% degli addetti (137.442 + 4572 flessibili) e questo dato rimarca il volto di un’azienda colorata di rosa, che ogni giorno mostra sensibilità verso i clienti proprio grazie alla capacità delle lavoratrici e dei lavoratori di mostrarsi aperti ai bisogni degli utenti che frequentano i nostri uffici o sono in contatto con la rete di distribuzione/recapito porta a porta.

In questo 8 MARZO ricordiamo che la dignità ed il rispetto di tutti i lavoratori sono valori fondanti che la FAILP CISAL persegue da sempre.   8 Marzo 2017 Failp

03 Marzo 2017 ~ 0 risposte

Appello sindacale ai cittadini, inutile una nuova privatizzazione (cessione quote) in Poste italiane

Continuano le prese di posizione sulle privatizzazioni 2017  a cominciare da quella di Poste italiane che il Governo giudica necessaria insieme agli altri percorsi prestabiliti e sospesi nello scorso anno per le condizioni insoddisfacenti del mercato. In realtà è avviso della FAILP che una nuova cessione di quote societarie in Poste italiane, per quanto mantenendo il controllo dello Stato attraverso la CDP sia del tutto negativa. Poste italiane riversa parte degli utili di bilancio allo Stato italiano assegnando ottimi guadagni all’azionista pubblico. Perché dunque perseguire obiettivi che non porterebbero ad alcun risultato, salvo assicurare fette di un servizio strategico ad investitori esteri in cerca soltanto di redditività, quindi poco avvezzi a farsi carico del servizio sociale svolto dalla nostra azienda ? Il rischio sarebbe quello di rendere sempre più marginale i servizi postali che assicurano i collegamenti con il territorio anche nei posti meno agevoli, per quanto l’azienda abbia già purtroppo ridotto la sua presenza in alcuni piccoli Comuni e frazioni e la frequenza del servizio delle consegne postali. A seguire ecco l’appello del sindacato ai cittadini e nel nostro sito web nazionale www.failp.it  un Post dedicato.

 

Comunicato ai cittadini – La privatizzazione di poste italiane

24 Febbraio 2017 ~ 0 risposte

Avanzamenti nelle trattative, marzo decisivo verso la firma del nuovo CCNL

sicurezza

 

 

Le ultime novità in merito al dialogo aziendale sono rappresentate dagli avanzamenti relativi all’istituzione, con l’avvio del prossimo CCNL in elaborazione, di un Fondo Sanitario Integrativo aziendale riservato ai dipendenti di Poste italiane S.p.a. (compresi i familiari e pensionati futuri che vi aderiranno) ed alle altre società del Gruppo Poste  che applicheranno il suddetto contratto..

In merito all’elaborazione del nuovo ordinamento normativo del CCNL si sta procedendo nella discussione, mentre nel settore della Posta, comunicazione e logistica c’è stata una presa di posizione delle Segreterie Generali della FAILP CISAL insieme alle altre  OO.SS. come segue nella lettera che riproduciamo (cfr. doc. allegato).

Il mese di marzo probabilmente sarà decisivo per raggiungere un accordo sul rinnovo contrattuale, ad incominciare dalla seconda settimana.

Intervento sindacale PCL 24 febb 2017

17 Febbraio 2017 ~ 0 risposte

Conflitto di lavoro Mercato Privati, sciopero dello straordinario dal 31 Marzo

Conclusa la procedura di raffreddamento del conflitto nazionale di lavoro su MERCATO PRIVATI con un esito negativo, per le resistenze aziendali a prendere atto delle problematiche esposte dal sindacato.

Ciò ha portato ad avviare l’azione sindacale di protesta che si estrinsecherà con lo SCIOPERO DELLE PRESTAZIONI STRAORDINARIE E AGGIUNTIVE, per queste ultime con riferimento al tempo di lavoro aggiuntivo all’orario normale e conto ore individuale, per tutti i lavoratori di Poste Spa su tutto il territorio nazionale, del personale applicato nel settore MERCATO PRIVATI nel seguente periodo:

L’AZIONE DI PROTESTA SINDACALE AVRA’ LUOGO DAL 31 MARZO 2017 AL 12 APRILE

In calce le comunicazioni nazionali all’esito della procedura.

Sciopero straordinari MP febbraio 17

allegati