28 ottobre 2011 ~ 2 risposte

largo a superciuk e ai suoi 3 super ciukini

27 ottobre 2011 – il momento della verità che squarcia il velo delle ipocrisie !

SOSPIRO DI SOLLIEVO. ABBIAMO PRESO I SOLDI.
SONO MALEDETTI? Ovviamente no. Sono sudore della nostra fronte!
SONO POCHI? Sicuramente si! RICORDIAMOCI PERO’ CHE SONO SOLO UN  ANTICIPO! Solo  il confronto negoziale, verbalizzato dalla FAILP CISAL in data 21 settembre 2011, che proseguirà con incontri e successivi accordi definirà l’intera struttura del PdR, e il recupero dei 220,00 euro medi procapite del saldo di giugno 2011.
SONO SUBITO checchè se ne dica! Intanto con questi SOLDI paghiamo la rata di mutuo, l’assicurazioni della macchina, la rata delle università per i nostri figli etc. etc…

Senza tanti giri di parole, che sono inutili,- in questa situazione specifica, perché come abbiamo già detto la spiegazione chiara, leggibile per tutti , della “sciagurata firma” risiede nella serietà e pervicacia della FAILP CISAL,diciamo che ci sentiamo soddisfatti, anche un po’ fieri di non essere tra coloro che con le loro menate hanno tentato, senza riuscirci, di “ rubare ‘sti du’ spicci “ a noi “poveri postali”, per lasciarli nelle tasche dei ricchi di Poste Italiane SpA.

La nostra firma, di valore e di sostanza, sul quel fatidico, per alcuni carta straccia, verbale di settembre è stata la piena legittima assunzione di responsablità di questa O.S. , una sorta di  dovere  celebrato nei confronti, certamente degli iscritti , ma anche e soprattutto di tutti lavoratori e le lavoratrici di Poste Italiane SpA, contro il fare di  quei sindacati che hanno promosso sul PdR una campagna di DISINFORMAZIONE, brandendo una parte di discorso ascoltato ai tavoli di trattativa,( uno dei tanti di Poste Pantalone che quando deve mettere mani nelle sue tasche , pur di non pagare inventa draghi, streghe e ranocchie da baciare…) come clava per menare sulla testa dei lavoratori e delle lavoratrici, già sovrabbondantemente vessati, umiliati e malpagati da Poste Italiane SpA .

Affrontando questo delicato capitolo del PdR, NOI, abbiamo voluto vivere fino in fondo il nostro ruolo di tutela del diritto del lavoratore impegnandoci a far riconoscere il ruolo insostituibile di ogni lavoratore di Poste Italiane SpA. La nostra motivazione portante è stata quella di ristabilire  l’equilibrio tra il “padrone” che non è mai buono e il lavoratore che contribuisce con la SUA opera alla grandezza della SUA azienda, nonché ai bilanci positivi.

Ci siamo mobilitati e abbiamo lottato ( NOI SI! ), partecipando e contrattando a difesa esclusiva dei diritti e degli interessi di tutti i lavoratori, mettendo al centro della nostra azione il lavoratore e il valore del suo lavoro, dimostrando che la dignità della persona-lavoratore non può e non deve risiede in un mero problema economico.
In questo mese sono stati scritti e detti fiumi di parole.
NOI, riteniamo che la capacità di vivere la realtà nel suo contesto sia più importante.
A chiacchierare siamo buoni tutti. A fare i fatti…

Il fatto di aver costretto questa Azienda Pantalone a scendere a più miti consigli, e intanto cominciare a pagare il dovuto ai lavoratori, è per ALCUNI magra consolazione?

E CHISSENEFREGA!

Tornando nelle nostre case stasera NOI potremo guardare negli occhi i nostri figli, senza vergognarci, perché l’umiltà del dubbio e il dialogo danno una forza molto più grande di quella del dominio…

Condividi

2 Risposte

  1. matteo 28 ottobre 2011 at 1:02 pm Permalink

    Più che superciuk io avrei messo capitan ventosa con in testa lo sturacessi.
    Per il momento grazie

  2. emanuela 28 ottobre 2011 at 9:12 am Permalink

    i soldi li abbiamo presi. le bugie di superciuk e dei suoi 3 superciukini sono smascherate
    bravi failp


Commenta

Il commento sarà pubblicato dopo la moderazione. Essi sono di proprietà dei rispettivi autori. Failplazio.it non è in alcun modo responsabile del loro contenuto.